La missione delle macchine: tecniche, lavoro e missioni nelle terre basse del sud-America

La missione delle macchine:
tecniche, lavoro e missioni nelle terre basse del sud-America

Giornata di studi internazionali
9-11 ott. 2019 Bologna (Italia)
programma: https://mission-machine.sciencesconf.org/data/pages/Programme.pdf

Presentazione :

L’obiettivo di questa riunione è quello di approfondire le relazioni tra missioni religiose e nascita e costruzione dei diversi fronti estrattivi nelle terre basse del sud America (Amazzonia, Chaco, Araucania, Patagonia). Ci si concentrerà in particolare sul ruolo delle macchine, delle officine e del lavoro tecnico come spazio di costruzione e come “marcatori” del corpo rispetto al genere, all’etnicità e al rapporto con lo stato-nazionale. Le macchine diventano un dispositivo privilegiato di controllo sociale e disciplinamento ma anche di emancipazione e creatività tecnica e corporale. Si tratta di una giornata di studio internazionale che si realizza all’interno del progetto ANR Mécaniques sauvages. Le fait mécanique dans les sociétés amérindiennes du Chaco et de l’Atacama (1850-temps présent).

Le “terre basse” sudamericane (il Gran Chaco, l’Amazzonia occidentale, il Mato Grosso, la Patagonia) sono rimasti luoghi marginali rispetto al mercato mondiale e fino alla fine del XIX secolo, quando alcune industrie come quella della gomma, dello zucchero, del mate, del tannino o del legname hanno cominciato ad avere un’importante influenza sul loro sviluppo con un capitalismo di matrice tecnicista e di stampo estrattivo. Questa incorporazione ha avuto conseguenza rilevanti: ha accompagnato l’avanzata colonizzatrice sui territori indigeni, la contemporanea consolidazione delle frontiere esterne degli stati-nazione recentemente formati e una nuova ondata di missioni religiose (cattoliche, ma soprattutto protestanti) ispirate non solo dalla volontà di evangelizzare, ma anche di civilizzare e procedere all’assimilazione delle popolazioni indigene.

In questo contesto, la “tecnica” e la “macchina” risultano un mezzo decisivo per il processo di assimilazione così come le “officine delle missioni” (le barche, gli aerei, i treni o i trattori che permettevano di raggiungerle) hanno rappresentato un luogo di costruzione sociale estremamente creativo. Questa centralità processuale della macchina (e particolarmente dei veicoli, come battelli a vapore o camion), ha contribuito a una “macchinizzazione” delle terre basse e allo stesso tempo a una sorta di “mascolinizzazione” delle macchine.

L’antropologia del cristianesimo ha analizzato in profondità quello che succedeva nel campo religioso attraverso concetti come “anima”, “rito” o “conversione”. Ma cosa succedeva contemporaneamente con le macchine, gli utensili, il sapere e le tecniche che i missionari insegnavano e di cui certamente si servirono per integrare gli indigeni al mercato e alle società nazionali? Concretamente quali erano le macchine nelle e delle missioni? Perché oltre alle chiatte, i camion o le moto, nei registri etnografici e storici emerge costantemente una vasta gamma di generatori, motoseghe, aratri, stamperie, macchine da cucire e altro ancora. Quali conseguenze hanno avuto queste innovazioni sulle tecniche di produzione indigene, sull’organizzazione e la concezione del lavoro, o ancora sulla costruzione del genere e sulle relazioni sociali? Su un piano più astratto, che influenza hanno avuto sulla concezione dello spazio, del tempo, della causalità e sulle sensibilità estetiche degli indigeni?

Se l’agire dei missionari ha certamente contribuito a dare forma ai territori, alle frontiere etniche, alle strutture economiche e politiche, è altrettanto certo che questi processi si sono sviluppati in funzione di un dispositivo materiale costruito attraverso le macchine e la loro presenza. Quali sono state allora le sfide e le difficoltà di fronte a questi nuovi materiali e “saperi”, o al potenziale tecnico ed estetico delle nuove tecniche?  Cos’è successo con queste macchine, questi utensili quando, per molteplici ragioni congiunturali, i missionari si sono ritirati o hanno abbandonato i territori indigeni?

In queste giornate di studi vogliamo condividere documentazione etnografica e materiale d’archivio, intraprendere nuove piste di lavoro e discutere delle possibili strategie analitiche riguardo la relazione tra i popoli indigeni, le missioni religiose, le macchine e il capitalismo estrattivo nelle terre basse sudamericane tra la fine del XIX secolo e il XX.

https://mission-machine.sciencesconf.org

Nel contesto del progetto :

ANR – Mécaniques sauvages. Le fait mécanique dans les sociétés amérindiennes du Chaco et de l’Atacama (1850-temps présent) https://anr.fr/Projet-ANR-16-CE27-0012

Organizzano :

– Zelda Franceschi, Università di Bologna (Italie)
– Lorena Cordoba, CONICET (Argentine)
– Alberto Preci, Université Paris 1 – UMR PRODIG 8686 (France)
– Nicolas Richard, CNRS IHEAL-CREDA UMR 7227 (France)

La missione delle macchine: tecniche, lavoro e missioni nelle terre basse del sud-America – La mission des… by Tierras Bajas Santa Cruz on Scribd

 


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.